Ottava lezione di DOS: gestione dei file 2

Dopo aver visto nella scorsa lezione i comandi CD, CLS, DIR e TREE e nelle scorse lezioni i comandi COPY, MOVE e DEL oggi finiremo la gestione dei file.

@

Vi siete mai chiesti perchè a volte si mette una @ davanti ai comandi?

Bene, in realtà i comandi non sono altro che file eseguibili (.exe) presenti in C:/WINDOWS/system32 e che vengono richiamati dal prompt dei comandi quando scriviamo un comando.

Per richiamare un eseguibile la sintassi è molto libera. Mettiamo di dover richiamare il file ciao.exe che si trova nella directory corrente:

1) ciao.exe

2) ciao

3) @ciao

4) @ciao.exe

5) @C:/software/prova.exe

Sono le opzioni disponibili.
E’ consigliabile per evitare equivoci o errori di mettere sempre la @ davanti e l’estensione del file, come all’esempio 4.

Questa sintassi vale anche con i file di testo eseguibili come .vbs e .bat

Se richiamato un file non eseguibile, viene aperto nel programma predefinito.


START

Un’altro comando per avviare applicazioni è start. start, a differenza di @, richiama un prompt dei comandi e poi richiama l’applicazione richiamata. Infatti alcune applicazioni con interfaccia grafica vengono avviate come finestra del prompt.

Se richiamato un file non eseguibile, viene aperto nel programma predefinito.

Se digitato senza aggiunte apre una nuova finestra del prompt dei comandi.

I parametri sono questi:

/wait      mette in pausa lo script fino a che non viene completata l’operazione avviata.

/b          avvia l’applicazione nella stessa finestra di quella corrente.

/MIN      avvia il programma ridotto a icona

/MAX     avvia il programma massimizzato

/LOW                        avvia il programma a diverse priorità, dalla più bassa (LOW) alla più alta (ABOVENORMAL)
/BELOWNORMAL
/NORMAL
/HIGH
/REALTIME
/ABOVENORMAL

E’ ovviamente possibile richiamare programmi da percorsi diversi e anche passare parametri.

 

>>

> e >> Servono per salvare “ciò che appare nel prompt dei comandi” nell’esecuzione del comando in un file txt.

es. copy “ciao.txt” “C:/Documents and Settings/Alessandro/Desktop” >>nul

La differenza tra > e >> è che il primo scrive indipendentemente da ciò che è scritto nel file e sovrascrive se necessario. Il secondo invece, prima di scrivere va a capo.


>nul

>nul, inserito su qualunque comando, dopo di esso, impedisce la visualizzazione di tutte le scritte che avrebbe prodotto nel prompt.
E’ tipicamente usato con il comando pause.


type

type permette di visualizzare nello schermo del prompt il contenuto di un file (in ASCII).

es. type ciao.txt


|more

|more può essere applicato a qualsiasi comando e permette di visualizzare l’output sul prompt a schermate (un pò alla volta).
es. type|more ciao.txt

Accetta anche i parametri:

/c      prima di visualizzare il contenuto cancella lo schermo
+n     comincia a visualizzare il primo file dalla riga n

Dispone anche di caratteristiche avanzate attivabili con /E. Per ulteriori informazioni: help more


pause

L’avevamo già visto. Interrompe l’esecuzione dello script batch e visualizza l’odiato “Premere un tasto per continuare…” che può essere abolito con il >nul.

Ottava lezione di DOS: gestione dei file 2ultima modifica: 2010-02-23T13:43:00+01:00da itrucid
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Ottava lezione di DOS: gestione dei file 2

Lascia un commento